‘ROSANNA CERUTTI. IN VIAGGIO CON GLI ARCANI’ – DAL 7 AL 23 DICEMBRE 2017

“ROSANNA CERUTTI. In viaggio con gli Arcani”      –      DAL 7 al 23 DICEMBRE 2017

INAUGURAZIONE: GIOVEDI’ 7 DICEMBRE 2017 DALLE ORE 18.00

Il Museo MIIT di Torino, la rivista internazionale Italia Arte, la Galleria Folco presentano la mostra “ROSANNA CERUTTI. In viaggio con gli Arcani”. Dal 7 al 23 dicembre 2017 sarà presentata una selezione dei dipinti di Rosanna Cerutti dedicati al mondo dei Tarocchi, alle sue interpretazioni e ai suoi simboli, cha affondano le radici nell’antichità.

“La mostra dedicata ai Tarocchi di Rosanna Cerutti evidenzia il mestiere artistico e grafico dell’autrice, la sua propensione per lo stile e l’equilibrio della forma e del colore, della linea e del segno sviluppato nel corso della sua formazione, ma anche l’amore per il sogno e la fantasia, che rendono ogni lavoro una storia conclusa, perfetta nella sua armonia ritmica e cromatica. Nell’interpretazione dei soggetti dei Tarocchi Rosanna Cerutti inventa narrazioni classiche, oniriche, simboliche, in cui sogno e realtà, storia e contemporaneità si fondono con gusto e ironia. Anche in questa serie lo studio dell’artista per la figura femminile, per il mistero che da essa trapela è testimoniata da rappresentazioni intense e meditate dalla potente introspezione, che da uno sguardo, da un gesto svela l’intimo dell’anima del personaggio, andando oltre la tradizionale iconografia dei Tarocchi. E’ questa sua capacità di fondere la modernità della figura femminile con la mitologia del gioco che rende ogni sua opera un viaggio ancestrale e contemporaneo nel quotidiano delle sensazioni del mondo femminino. ‘Il gioco della vita’, dal titolo di un suo lavoro, diventa metafora di tutta la serie dei Tarocchi creata per questa mostra al Museo MIIT e racconta speranze, illusioni, emozioni di universi che si incontrano, come quello dell’infanzia e dell’innocenza, della donna e della sensualità, dell’uomo e della forza, degli animali e della Terra. Nei Tarocchi di Cerutti anche il colore diventa elemento potente di comunicazione, così come la luce e l’utilizzo di toni sfumati o decisi, contrastati o sfumati, a ricreare in pittura le infinite variazione dello spirito. Il suo Viaggio con gli Arcani ci conduce alla scoperta delle mitologiche raffigurazioni dei Tarocchi, dell’esoterismo e dell’alchimia, della Cabala e della superstizione, con leggerezza e sapiente conoscenza della materia, ma anche, e soprattutto, con personale eleganza e innovativa ricerca”.

Guido Folco

BIOGRAFIA DI ROSANNA CERUTTI

Nata e cresciuta in Piemonte, sin da piccola ho dimostrato una certa vocazione per svariate forme d’arte. La frequentazione di istituti religiosi, la scuola di moda e l’esperienza maturata nei villaggi turistici, hanno determinato in me la voglia di esprimermi attraverso diverse attività (ballo, teatro, canto e disegno). Da maggio 2009 nasce in me il desiderio di esternare sensazioni tramite la pittura. Il tutto scaturisce dalla volontà di fare un regalo originale per un evento importante quale il matrimonio di un’amica, che mi ha portato a realizzare la mia prima opera; punto di partenza di un percorso che ha generato e fatto crescere in me questo bisogno di comunicare emozioni. Ad oggi i miei soggetti sono le “DONNE” e i loro “STATI D’ANIMO”, attraverso i quali cerco di trasmettere sensazioni in bilico tra sogno e realtà alla continua ricerca di atmosfere luminose e colorate, per me di fondamentale importanza. Da sempre affascinata dal Mistico ed il sovrannaturale, ho iniziato una serie intitolata “I TAROCCHI”. In un gioco di interpretazioni simboliche e personali, dò un volto, un’immagine o una posa ai cardini di quella che è tuttora definita la “Scienza Sacra”: i 22 “Arcani Maggiori”.

TESTI CRITICI

“L’arte di Rosanna Cerutti s’inserisce nell’ambito di un discorso strettamente al femminile, addentrandosi nei sentieri misteriosi di un immaginario di genere decisamente distinto da quello maschile, che porta in superficie, sotto forma di rivelazioni oniriche, tutta la diversità dei desideri, della sensibilità e delle aspirazioni interiori delle donne”.

Vittorio Sgarbi

“La pittura di Rosanna Cerutti ha solide radici di matrice figurativa, rivisitate e rielaborate con formula moderna e soggettiva. In ogni opera, ella condensa la propria personale, intima e sentita partecipazione emotiva ed emozionale di donna- artista, inserita nella sua epoca e al passo con i tempi. La carica espressiva e comunicativa delle raffigurazioni, guida l’impostazione stilistica e stimola l’interpretazione e la suggestione attiva dello spettatore. Il percorso artistico della Cerutti rivela un’intensa evoluzione di coinvolgimento interattivo, che cattura e conquista da subito chi guarda. Il colore si mantiene vivace e acceso, vibrante e squillante nella stesura, realizzata con una pennellata precisa e incisiva, che avvalora la sapiente tecnica del disegno, eseguita con elaborazione sempre studiata e mirata anche nel dettaglio più minimale. Il gesto creativo, sempre ben ponderato a monte, deciso e incisivo, garantisce un efficace impatto scenico d’insieme. Le scelte formali, nella composizione strutturale e narrativa, dimostrano una ricerca impegnata, originale, coerente nelle linee di riferimento, che produce una profonda riflessione sulla realtà e suscita un’attenta meditazione esistenziale”.

Elena Gollini

“Il quotidiano, ma anche la moda è fonte d’ispirazione per l’artista, l’opera La passione prende forma ne è un esempio, con la copertina di Vogue e la macchina fotografica. La serie dedicata ai tarocchi è un altro argomento d’interesse per la pittrice Rosanna Cerutti. Tra le opere di particolare rilievo è il dipinto La chiave che rappresenta la Papessa, l’arcano n. 2: bella e grande sacerdotessa, Giunone, la primavera, l’orgoglio. La Papessa è considerata la carta della consultante, e indica la fedeltà, la sposa, la ricettività nella divinazione”.

Floriana Tondinelli

STORIA DEI TAROCCHI

I tarocchi sono un mazzo di carte da gioco, generalmente composto da 78 carte utilizzate per giochi di presa, la cui origine risale alla metà del XV secolo nell’Italia settentrionale. Si diffusero in varie parti d’Europa e raggiunsero il periodo di maggior diffusione a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo, dopodiché il loro uso è andato calando, ritornando poi in auge ai nostri giorni tramite giochi televisivi, trasmissioni di intrattenimento e interpretazioni artistiche. A partire dalla fine del XVIII secolo i tarocchi furono associati alla cabala e ad altre tradizioni mistiche. Lo sviluppo di queste teorie fu avviato dal massone francese Antoine Court de Gébelin, che senza alcuna base storica fece risalire i tarocchi all’Antico Egitto, ed ebbe nuovo impulso nella metà dell’Ottocento con l’occultista Eliphas Lévi, che indicò la loro origine nella Cabala ebraica. Negli anni a cavallo tra la fine dell’Ottocento ed i primi del Novecento le dottrine esoteriche sui tarocchi furono fissate definitivamente dagli occultisti francesi Papus (pseudonimo di Gérard Encausse) e Oswald Wirth in una serie di celebri opere ancora in auge. Nei primi decenni del Novecento la “Scuola francese dei Tarocchi” cominciò ad essere soppiantata dalla “Scuola inglese” nata in seno all’Ordine Ermetico dell’Alba Dorata. Il tipico mazzo di tarocchi è composto da un mazzo di carte tradizionale a cui si aggiungono ventuno carte dette Trionfi e una carta singola detta Il Matto. Il mazzo di carte tradizionale è diviso in quattro semi (italiani o francesi) di quattordici carte, dall’asso al dieci più quattro figure, dette anche “onori” o “carte di corte”: Re, Regina, Cavaliere e Fante. I trionfi sono generalmente illustrati con figure umane, animali e mitologiche e numerati da 1 a 21, spesso in numeri romani. Esistono varianti in cui il numero di carte viene ridotto, come in quelli bolognesi o siciliani, o aumentato. Nella terminologia introdotta dalle teorie esoteriche i Trionfi e il Matto sono detti collettivamente arcani maggiori e le carte rimanenti arcani minori.

 

DATI DELLA MOSTRA:

“ROSANNA CERUTTI. In viaggio con gli Arcani”

DAL 7 al 23 DICEMBRE 2017

INAUGURAZIONE: GIOVEDI’ 7 DICEMBRE 2017, DALLE ORE 18.00

CATALOGO DISPONIBILE AL LINK: https://prinp.com/?sez=negozio&sub=1&lid=1000

ORARI: da martedì a sabato dalle 15.30 alle 19.30

su appuntamento domenica, lunedì e festivi per visite guidate, gruppi, scolaresche.

MUSEO MIIT     CORSO CAIROLI 4 – TORINO

TEL. 011.8129776 – 334.3135903 –   WWW.MUSEOMIIT.IT – INFO@MUSEOMIIT.IT

INGRESSO LIBERO

 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz